Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

martedì 13 settembre 2016

Questo è il partito radicale del 2017! ISCRIVITI e collabora.

Car** tutt**,
si è concluso il 40° Congresso straordinario del Partito Radicale con 178 voti a favore di una mozione che puoi leggere qui; la mozione alternativa ha ottenuto 79 voti, gli astenuti sono stati 13; in questo congresso hanno votato 270 iscritti, quasi il doppio del precedente congresso in cui furono 140.
 La relazione del tesoriere, il bilancio e la nota sull'autofinanziamento li trovi qui.

PER LO STATO DI DIRITTO, IL DIRITTO ALLA CONOSCENZA, I DIRITTI UMANI!

Con la mozione il Congresso ha deciso di rilanciare le lotte radicali per lo Stato di Diritto e il nuovo diritto umano alla conoscenza e l'universalità dei diritti umani, civili sociali e politici attraverso le attività dell'ultima associazione promossa da Marco Pannella con l'Ambasciatore Giulio Terzi di Sant'Agata e Matteo Angioli, che oggi è denominato il Comitato Globale per lo Stato di Diritto-Marco Pannella.

L'ALTERITA' RADICALE

Il Congresso ha tenuto a riaffermare "principi e prassi", le regole fondamentali e i connotati essenziali costitutivi del Partito Radicale che hanno rappresentato e rappresentano la sua alterità rispetto a ogni altro partito, in particolare il principio dell’adesione individuale diretta e la regola senza eccezioni per cui si può iscrivere chiunque e nessuno può essere espulso per alcun motivo.

GIUSTIZIA GIUSTA! 
DOMENICA 6 NOVEMBRE MARCIA PER L'AMNISTIA.

  Il Congresso, che ha affidato agli iscritti le lotte la prosecuzione della battaglia storica di Marco Pannella per l’amnistia e l’indulto, ha deciso di promuovere una marcia dal carcere di Regina Coeli a Piazza San Pietro il 6 novembre 2016, giornata del Giubileo dei carcerati.
  A quel giorno si arriverà attraverso una mobilitazione nonviolenta fuori e dentro le carceri per affermare i diritti violati di tutti i detenuti, ergastolani compresi, e per promuovere la Riforma della giustizia tanto disattesa quanto necessaria da quando i radicali si mobilitarono sulla  vicenda del compianto Enzo Tortora.

STATI UNITI D'EUROPA!

Il Congresso ha confermato e rilanciato la scelta federalista e per gli Stati Uniti d'Europa, unica alternativa ai nazionalismi antifederalisti e alla deriva burocratica dell'Unione Europea.



Grazie Marco!

3000 iscritti o il Partito Radicale muore. Viene messo in liquidazione.

 Infine il Congresso prendendo atto che condizione minima, tecnica e politica, per l’esistenza e l’attività del partito è il rientro dal debito, pone l’obiettivo del raggiungimento di 3000 iscritti nel 2017 e altrettanti nell’anno successivo.
 Qualora l'obiettivo non dovesse essere raggiunto il Congresso ha deliberato che siano attivate tutte le procedure atte alla liquidazione dell'attività del partito.

Per il raggiungimento di questo obiettivo, ha deciso di affidare alla Presidenza del 40° Congresso Straordinario - Matteo Angioli, Angelo Bandinelli, Marco Beltrandi, Rita Bernardini, Maurizio Bolognetti, Antonella Casu, Antonio Cerrone, Deborah Cianfanelli, Maria Antonietta Farina Coscioni, Sergio D’Elia, Mariano Giustino, Giuseppe Rossodivita, Irene Testa, Maurizio Turco, Valter Vecellio, Elisabetta Zamparutti - con il coordinamento di Rita Bernardini, Antonella Casu, Sergio D’Elia e Maurizio Turco, la responsabilità di assumere tutte le iniziative necessarie.

Un grazie a tutti coloro che hanno consentito questo risultato che ha creato le condizioni politiche per dare a ciascuno di noi e a tutti la possibilità di essere speranza.

E grazie a te per quanto, vorrai e potrai fare.

Un abbraccio

Rita Bernardini          Antonella Casu          Sergio D'Elia          Maurizio Turco



Iscriviti subito al Partito Radicale con

1) carta di credito attraverso il sito www.partitoradicale.org

2) vaglia postale intestato a : Partito Radicale - Via di Torre Argentina, 76 – 00186 Roma

3) bonifico postale intestato a : Partito Radicale IT33N0760103200000044855005 – BPPIITRRXXX

4) bollettino postale intestato a : Partito Radicale 44855005

5) bonifico bancario intestato a : Partito Radicale IT56E0832703221000000002381 – ROMAITRR

giovedì 8 settembre 2016

Un pensiero a Beatrice domenica 11 settembre

Domenica 11 settembre ricorrerà il 417°  anniversario della morte di Beatrice Cenci, nobildonna romana e ricchissima ereditiera, torturata e giustiziata a Roma mediante decapitazione assieme alla sua matrigna Lucrezia Petroni e ai suoi fratelli.



 La sentenza fu eseguita, per volere del papa Clemente VIII, al termine di un processo farsa in cui fu giudicata colpevole di aver assassinato suo padre Francesco, ricchissimo e dissoluto figlio del banchiere Cristoforo Cenci, delitto che probabilmente lei e la matrigna non avevano neanche commesso.
Lo scopo non dichiarato ma noto a tutti i cittadini romani fu quello di impossessarsi dell'ingentissima fortuna in proprietà immobili e mobili della famiglia Cenci, che venne infatti distribuita tra il nipote Aldobrandini e i sostenitori del papa.

mercoledì 31 agosto 2016

L'antisemitismo.tra gli scout...

Da Progetto Dreyfus

L'EROE SCOUT PALESTINESE CHE HA ASSASSINATO MIO PADRE
| di Micah Lakin Avni -
traduzione di Israele.net

Caro signor Teare,
il 13 ottobre 2015 Baha Alyan e un suo complice sono saliti a bordo dell’autobus numero 78, a Gerusalemme, e hanno perpetrato un efferato attacco terroristico assassinando brutalmente tre civili innocenti e ferendone altri quindici. Il mio amato padre, Richard Lakin, 76 anni, è tra quelli che sono stati uccisi. Alyan e il suo complice hanno sparato alla testa di mio padre e poi, dopo che era caduto a terra, lo hanno ripetutamente pugnalato al capo, al volto, al petto e al ventre colpendo la maggior parte dei suoi organi vitali.

Mio padre era un uomo gentile e di buon cuore che ha dedicato la sua vita all’educazione e alla promozione della convivenza pacifica. Generazioni di ragazzi e ragazze scout sono passati sotto la sua ala amorevole quando era preside della scuola elementare Hopewell a Glastonbury, nel Connecticut (Usa). Nel 2007 aveva pubblicato un libro intitolato L’insegnamento come atto d’amore che riassume il lavoro e la filosofia educativa di tutta la sua vita. Il messaggio del suo libro è che ogni bambino è un miracolo che merita d’essere cresciuto con amore

Questa settimana sono rimasto scioccato nell’apprendere che l’Associazione Scout Palestinese, accolta sei mesi fa dall’Organizzazione Mondiale del Movimento Scout come membro a pieno titolo, insegna ai suoi capi-scout a vedere in uno spietato terrorista assassino un modello da imitare. Il corso per la formazione dei capi-scout avviato la scorsa settimana dall’Associazione Scout Palestinese è intitolato al “martire capo-scout Baha Alyan”, il terrorista che ha trucidato mio padre.

[Leggi tutto l'articolo su israele.net>> http://www.israele.net/leroe-scout-palestinese-che-ha-assassinato-mio-padre ]

E intanto mentre gli israeliani dormivano...

Questa notte, l'esercito di Gerusalemme ha fatto irruzione in una stazione radio palestinese nei pressi di Hebron sequestrando gli apparecchi tecnici e arrestando gli operatori radiofonici perchè incitavano a commettere attentati contro gli israeliani.

In queste ultime settimane non c'è notte che Israele non arresti terroristi arabi in procinto di commettere attentati, sequestri armi da guerra, chiuda fabbriche clandestine di armi o emittenti radio televisive che incitano 24h/24 ad uccidere gli ebrei perchè colpevoli di occupare senza alcun diritto il suo israeliano o perchè minacciano la sovranità musulmana della moschea Al Aqsa.

Secondo un recente sondaggio, gli israeliani hanno una profonda fiducia nel loro esercito che li protegge e hanno ragione.

giovedì 18 agosto 2016

REFERENDUM: QUANDO È NO È NO


VERSO IL REFERENDUM. QUANDO E' NO E' NO
16 agosto 2016

Noi diciamo no.
Senza odio, senza violenza, senza paura.
Quando e' no e' no.
*
Al referendum sulla riforma costituzionale noi votiamo no.
Il governo vorrebbe imporci un senato part-time al servizio di sua maesta': e noi diciamo no.
Il governo vorrebbe imporci un parlamento dimezzato la cui unica funzione sarebbe all'incirca di votare si' ai decreti: e noi diciamo no.
Il governo vorrebbe imporci lo smantellamento dell'ordinamento democratico e dell'equilibrio dei poteri: e noi diciamo no.
Il governo vorrebbe imporci lo scardinamento della Costituzione repubblicana: e noi diciamo no.
Al referendum sulla riforma costituzionale noi votiamo no.
*
Noi diciamo no.
Senza odio, senza violenza, senza paura.
Quando e' no e' no.

Firmato
"Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo